Chiamaci:

075 5270362

Contatto email:

info@spazio4.com

Category Archives: Uncategorized

Isolamento termico e vetri. Tutto quello che c’è da sapere

febbraio 15, 2018 Uncategorized 0
Isolamento termico e vetri. Tutto quello che c’è da sapere

Isolamento termico e vetri: come scegliere quelli giusti che terranno al caldo (o al fresco) la nostra casa? Certo le caratteristiche da considerare nella scelta del vetro per le finestre, vetrate o portefinestre sono diverse: sicurezza e isolamento acustico, ad esempio, ma anche risparmio energetico e isolamento termico sono primari.

Conosciamo, allora, bene la relazione tra isolamento termico e vetri e andiamo a scoprire come prendere la decisione migliore per le nostre esigenze.

Isolamento termico invernale ed estivo

L’isolamento termico di un infisso indica quanto il serramento riesce a bloccare il ponte termico tra interno ed esterno, mantenendo costante la temperatura dell’ambiente e ottimizzando, così, il funzionamento degli impianti di riscaldamento e climatizzazione.

L’isolamento termico invernale, cioè l’efficienza prestazionale invernale (EPi) di una vetrazione si indica con il valore Ug. Più questo valore è basso, più il vetro isola dal freddo.

L’isolamento termico estivo, invece, ovvero l’efficienza prestazionale estiva (EPe), si indica con il Fattore Solare (FS). Il fattore solare sta ad indicare la percentuale di calore che il vetro lascia entrare in proporzione all’irraggiamento solare. Più tale valore risulta basso, più il vetro protegge l’ambiente dal calore esterno.

isolamento termico e vetriCome il giusto vetro può tenere calda la nostra casa in inverno

Durante i mesi invernali, un adeguato isolamento termico può davvero fare la differenza sia sui costi in bolletta, sia per l’ambiente.

La capacità di isolamento termico di una vetrata può aumentare notevolmente combinando più intercapedini e un vetro bassoemissivo. Oltretutto, questo requisito può essere migliorato anche mediante l’utilizzo, nell’intercapedine dell’infisso, di gas Argon o Kripton.

Se pensiamo che un vetro singolo da 4 mm ha un valore Ug di 5,4 W/(m2K), ciò vuol dire che per ogni metro quadro il vetro disperde oltre 5 Watt per ogni grado di temperatura diversa da quella esterna.

Una vetrata isolante 4-16-4 mm senza vetri bassoemissivi presenta, invece, un valore Ug di 2,7 W/(m2K). Aggiungendo un vetro bassoemissivo e gas Argon nel vetrocamera, tuttavia, si raggiunge un valore Ug fino a 1,0 W/(m2K).

Il più basso valore di trasmittanza termica attualmente raggiungibile è di Ug 0,5 W/(m2K) ottenuto combinando tre vetri, due dei quali bassoemissivi.

In definitiva, tra una vetrata tripla e un vetro singolo l’isolamento termico migliora di oltre 10 volte, riducendo di molto i costi per il riscaldamento.

Come il giusto vetro può tenere fresca la nostra casa in estate

I vetri, però, svolgono anche una fondamentale azione di protezione contro il calore proveniente dall’esterno, contribuendo a mantenere fresche le stanze e minimizzando il ricorso ai condizionatori.

Questi vetri portano al minimo anche l’utilizzo di schermature come tapparelle o persiane perché riducono l’ingresso del calore esterno, come, ad esempio, quelli utilizzati nei grattaceli.

Il Fattore Solare (FS) è quel valore che ci indica quanto calore entra nell’abitazione. Più il valore è basso, meno calore il vetro fa entrare. Se la vostra casa, dunque, è molto esposta al sole o si trova in un posto molto caldo in estate, è importante scegliere vetri con un Fattore Solare molto basso.

Isolamento termico e vetri. Scopri i migliori da Spazio 4 Serramenti

Scopri come scegliere i vetri migliori per i tuoi infissi da Spazio 4 Serramenti. La nostra azienda collabora con i migliori produttori a livello nazionale e internazionale come AGC per la realizzazione di finestre, porte finestre, vetrine, parapetti e molto altro per edifici residenziali e non.

Vieni a trovarci nel nostro showroom per info e preventivi, in Via Sandro Penna, 87, Perugia, oppure chiamaci allo 075 527 0362. Ti aspettiamo!

Come scegliere i vetri per le finestre. La sicurezza

febbraio 12, 2018 Uncategorized 0
Come scegliere i vetri per le finestre. La sicurezza

Le moderne tecniche di produzione del vetro per porte e finestre lo hanno trasformato, sempre più, da semplice elemento di protezione contro gli agenti atmosferici a materiale ultramoderno in grado di presentarsi come un valido alleato nell’isolamento termico e nel risparmio energetico, nonché nel nostro desiderio di privacy.

Quando si vanno a scegliere i vetri da installare sui propri infissi, sono molte le caratteristiche da considerare in fase di acquisto, sia che venga utilizzato per un grattacielo che per una casa residenziale.

Oggi, in particolare, affronteremo l’importante aspetto della sicurezza del vetro. Vediamo, allora, come scegliere i vetri migliori per le nostre finestre dal punto di vista della sicurezza e quali sono le normative che ne regolano la produzione.

Le caratteristiche del vetro da considerare nella scelta

Come abbiamo già detto, oggi il vetro è diventato un elemento sempre più importante nella struttura di un infisso, con potenzialità e pregi assolutamente nuovi rispetto al passato.

Quando si va a scegliere il tipo di vetro da installare nelle nostre finestre sono 3 gli elementi fondamentali da tenere in considerazione per avere un infisso di qualità:

  • Sicurezza;
  • Isolamento termico (estivo e invernale);
  • Isolamento acustico.come scegliere i vetri

La sicurezza

I criteri di sicurezza del vetro oggi utilizzato in edilizia sono regolamentati dalla normativa UNI 7697, la quale stabilisce che debba essere usato un vetro “non pericoloso” in caso di rottura.

In tal senso, la norma UNI EN 12600, anche chiamata “prova del pendolo”, classifica i vetri in base al loro comportamento in caso di impatto con un pendolo che simula l’urto di un corpo molle, come ad esempio una persona.

Nel caso dei vetri di sicurezza, la rottura non provoca l’origine di spigoli vivi potenzialmente pericolosi. I vetri di sicurezza sono classificabili in:

  • Vetri stratificati (o laminati): due o più lastre di vetro vengono assemblate tra loro mediante l’interposizione di una pellicola plastica. In caso di rottura, il plastico fa sì che i frammenti rimangano incollati tra loro e non si disperdano.
  • Vetri temprati: il vetro viene sottoposto ad un trattamento termico di riscaldamento in un apposito forno e successivo brusco raffreddamento. Questo processo fa sì che, in caso di rottura, il vetro si rompa in piccolissimi frammenti non taglienti e non pericolosi.

Il vetro nelle applicazioni residenziali

Nelle applicazioni residenziali, la normativa stabilisce che:

  • Le finestre devono essere provviste di un vetro di sicurezza (stratificato o temprato) all’interno.
  • Le porte finestre, accessibili da entrambi i lati, devono avere vetro di sicurezza (stratificato o temprato) sia interno che esterno.
  • Le finestre con lato inferiore ad altezza minore o uguale a 1 metro che proteggono dalle cadute devono essere provviste di un vetro con almeno 2 pvb.

Il vetro in altre applicazioni

Per quanto concerne altre applicazioni delle vetrate, come ad esempio vetrine o parapetti, la normativa vigente stabilisce che:

  • Le vetrine di negozi ed altre attività devono avere vetro stratificato classe 1B1 sia all’interno che all’esterno.
  • I parapetti intelaiati su perimetro devono possedere un vetro stratificato con almeno 2 pvb.
  • In ambienti comuni, sia residenziali che commerciali, il vetro interno deve essere stratificato, mentre quello esterno deve essere di sicurezza.

Il vetro in altri edifici

Abbiamo, infine, l’applicazione del vetro in altri edifici quali uffici, centri sportivi, ospedali e altri. La normativa UNI 7697 stabilisce che:

  • Negli uffici i vetri devono rispettare gli stessi requisiti degli edifici residenziali, con vetro di sicurezza solo all’interno.
  • Negli ospedali, centri commerciali, cinema e palestre il vetro interno deve essere stratificato mentre l’esterno di sicurezza (stratificato o temprato).
  • Nelle scuole, di ogni grado, è obbligatorio l’uso di vetri stratificati. Per applicazioni con il lato inferiore ad altezza minore o uguale a 1 metro è obbligatorio usare vetri 1B1 sia all’interno che all’esterno.

Scopri come scegliere i vetri migliori per le tue finestre da Spazio 4 Serramenti

Scopri come scegliere i vetri migliori per i tuoi infissi da Spazio 4 Serramenti. La nostra azienda collabora con i migliori produttori a livello nazionale e internazionale come AGC per la realizzazione di finestre, porte finestre, vetrine, parapetti e molto altro per edifici residenziali e non.

Vieni a trovarci nel nostro showroom per info e preventivi, in Via Sandro Penna, 87, Perugia, oppure chiamaci allo 075 527 0362. Ti aspettiamo!

Il nuovo cilindro AP4S Cisa per la sicurezza della tua casa

febbraio 8, 2018 Uncategorized 0
Il nuovo cilindro AP4S Cisa per la sicurezza della tua casa

Oggi vogliamo parlarvi di un nuovo, avanguardistico, sistema di sicurezza meccanica brevettato da Cisa, pionieri della sicurezza in Italia e nel mondo da quasi un secolo: il cilindro AP4S.

Spazio 4 Serramenti collabora da molti anni con Cisa per la realizzazione e la vendita di infissi blindati che rispondano alle esigenze di protezione dei nostri clienti.

Con il nuovo cilindro europeo AP4S Cisa, le porte blindate godono di una protezione in più. Allora scopriamo meglio le caratteristiche di questo nuovo meccanismo e le sue grandi potenzialità.

Le caratteristiche del cilindro AP4S Cisa

Il nuovissimo cilindro AP4S per porte blindate brevettato da Cisa è sicuro sotto ogni aspetto. Cilindro e chiave sono brevettati per consentire una maggiore tutela contro le principali tecniche di scasso e avere un maggior controllo sulla duplica della chiave.

Sì perché con il cilindro AP4S questa operazione sarà possibile solo presentando la Security Card presso CISA Solution Partner o CISA. In caso contrario, i partner autorizzati non potranno effettuare la duplicazione e questo renderà molto più sicuro l’infisso da eventuali attacchi di malintenzionati.

E’, poi, possibile aprire più porte con la stessa chiave e controllare meglio gli accessi, potendo utilizzare un’unica chiave senza per questo abbassare il livello di sicurezza. Questo sistema consente di controllare ogni ingresso in modo flessibile e sicuro.

La chiave AP4S è anche altamente personalizzabile, grazie alla possibilità di avere teste di colori diversi, così da poterle immediatamente riconoscere.

cilindro ap4s cisaLe numerose applicazioni del cilindro AP4S Cisa

Il nuovo cilindro AP4S brevettato da Cisa trova applicazione in molteplici sistemi di sicurezza diversi, dagli usi residenziali fino all’industria di porte blindate, università, centri commerciali, ospedali.

Un livello di protezione davvero adatto a tutti, per dormire sonni tranquilli e preservare al sicuro le cose che più amiamo.

In che modo il cilindro AP4S riesce a contrastare gli attacchi esterni? Grazie alle numerose tecnologie brevettate:

  • Tecnologia brevettata SIGILLO, che garantisce una protezione certificata a rottura ed estrazione.
  • Tecnologia brevetta BKP (Bump Key Power) per una protezione certificata contro il bumping.
  • Sistema con nuovi controperni speciali per un’elevata resistenza al picking.
  • Sistema di cifratura in acciaio cementato per una protezione certificata al trapano.
  • Speciale configurazione delle molle per un’elevata resistenza alla tecnica di effrazione con impressione o cera.

Scopri il cilindro AP4S Cisa da Spazio 4 Serramenti

Scopri tutte le potenzialità del nuovissimo cilindro AP4S per porte blindate da Spazio 4 Serramenti e proteggi al meglio ciò che ami!

La nostra azienda collabora con i migliori partner del settore per offrire serramenti dai massimi standard qualitativi e prestazionali. Scopri Cisa sul sito oppure vieni a trovarci nel nostro showroom, in Via Sandro Penna, 87, Perugia o chiamaci allo 075 527 0362. Ti aspettiamo!

Ecobonus 2018. In cosa consiste e come usufruirne

gennaio 23, 2018 Finestre e porte finestre, Porte e porte blindate, Uncategorized 0
Ecobonus 2018. In cosa consiste e come usufruirne

Ci siamo! Anche quest’anno, grazie alla nuova Legge di Stabilità 2018, è stato confermato dal Governo l’Ecobonus 2018 a favore di ristrutturazioni e interventi per la riqualificazione energetica degli edifici.

Alcune modifiche sono state apportate alla normativa, che consentono l’ampliamento del bacino di soggetti potenzialmente beneficiari e degli interventi interessati.

Vediamo, allora, nel dettaglio in cosa consisterà l’Ecobonus 2018, chi potrà usufruirne e come.

Le novità della Legge di Bilancio 2018

Innanzitutto, i bonus casa sono riconfermati anche per quest’anno e vengono, anzi, ulteriormente ampliati. Le detrazioni fiscali previste sono le seguenti:

  • ecobonus 2018Bonus ristrutturazioni 2018 al 50%: prorogato per tutto l’anno corrente, saranno compresi gli interventi di ristrutturazione degli edifici per un importo massimo di 96.000 euro di spesa, sia per singole abitazioni che per condomini, compresa la manutenzione ordinaria.
  • Bonus mobili ed elettrodomestici al 50%: confermato per tutto il 2018, solo per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici a seguito di ristrutturazione dell’abitazione, con una spesa massima di 10.000 euro. Il nuovo bonus casa servirà ad agevolare soprattutto gli interventi di riqualificazione urbana e verrà esteso anche ai lavori di verde urbano finanziati da privati e ai lavori di ristrutturazione delle facciate dei palazzi.
  • Ecobonus per il risparmio energetico 2018 al 65%: confermato per tutto l’anno con alcuni cambiamenti. Il bonus caldaia 2018, ad esempio, diventa:
    1. Detrazione 65% se si installa una caldaia a condensazione di classe A con sistemi di termoregolazione evoluti.
    2. Detrazione al 50% per l’installazione di una caldaia a condensazione di classe A.
    3. Detrazione allo 0% per l’installazione di una caldaia di classe B.
  • Sisma bonus 2018: confermato per tutto il 2018 ed esteso anche ai condomini. Chi abita nelle zone sismiche 1, 2 e 3, infatti, potrà beneficiare di una detrazione unica grazie al nuovo bonus unico condomini 2018 se verranno effettuati lavori di Ecobonus e Sisma bonus. Il Sisma bonus 2018 verrà esteso anche alle spese di certificazione statica ad opera di professionisti e ai capannoni delle imprese.
  • Detrazione 50% Iva pagata: usufruibile da chi acquista casa di classe A o B, ancora da confermare.
  • Cedolare secca al 10%: sugli affitti a canone concordato.
  • Bonus verde 2018 su giardini, terrazzi e balconi: novità della Legge di Bilancio, con detrazione al 36% per una spesa massima di 5.000 euro.
  • Per le spese riguardanti la sostituzione di infissi e schermature quest’anno la detrazione scende al 50%.

Come funziona l’Ecobonus 2018

Come sempre, l’Ecobonus consiste in un’agevolazione fiscale sotto forma di detrazione dall’Irpef se la spesa è sostenuta dal contribuente privato, o dall’Ires, invece, se parliamo di imprese o società.

Sono contemplate le spese sostenute per incrementare l’efficienza energetica di un edificio come ad esempio la sostituzione di infissi e serramenti, pavimentazione, coibentazione, installazione di impianti fotovoltaici e sostituzione di vecchi sistemi di riscaldamento con dei nuovi, più efficienti.

Quali sono gli importi di spesa ammessi

I tetti massimi di spesa interessati dalla normativa sono i seguenti:

  • 100.000 euro per interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti;
  • 60.000 euro per lavori sull’involucro di edifici esistenti, ad esempio su pareti, infissi, serramenti;
  • 60.000 euro per l’installazione di impianti fotovoltaici;
  • 30.000 euro per la sostituzione di impianti di riscaldamento e climatizzazione.

Chi può usufruire del bonus?

Potranno richiedere l’Ecobonus 2018 tutti i contribuenti privati (residenti e non) e quelli titolari di impresa, quindi con Partita IVA, che risultano possessori dell’immobile oggetto della ristrutturazione. In particolare:

  • Persone fisiche: titolari di un diritto reale sull’immobile, condomini per interventi sulle aree in comune, inquilini che hanno in comodato d’uso l’immobile.
  • Titolari di Partita IVA esercenti arti e professioni.
  • Contribuenti con redditi d’impresa: persone fisiche, società di persone, società di capitali.
  • Associazioni di professionisti.
  • Enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale.

Scopri tutti i vantaggi dell’Ecobonus 2018 da Spazio 4 Serramenti

Cogli l’occasione per rendere la tua casa a prova di risparmio energetico! Vieni a scoprire tutti i vantaggi dell’Ecobonus 2018 nel nostro showroom, in Via Sandro Penna, 87, Perugia oppure chiamaci allo 075 527 0362. Ti aspettiamo!

Ringhiere in alluminio o vetro: quale scegliere?

gennaio 19, 2018 Ringhiere in alluminio, Uncategorized 0
Ringhiere in alluminio o vetro: quale scegliere?

Le ringhiere in alluminio, rappresentano una vera e propria componente architettonica, dalla duplice funzione: riescono infatti a dare più sicurezza, proteggendo le persone da cadute accidentali, e più estetica, donando al tuo ambiente quel tocco di personalità in più.
Andiamo a scoprire di più sulle ringhiere, come le regole vigenti da rispettare e come la loro scelta dipenda non solo dalla funzione che dovrà svolgere ma anche dal luogo in cui sarà esposta.

Regole da tener conto


Quando si scelgono le ringhiere, è importante tener conto di alcune regole:

  1. Devono raggiungere il metro d’altezza a partire dal piano del pavimento, per assicurare un’adeguata protezione anche ai più piccoli, soprattutto nei primi anni di età;
  2. Bisogna verificare che non sia possibile inserire, tra i montanti verticali, nessun oggetto dal diametro di 10 cm;
  3. Evitare quelle che abbiano nella parte interna punti di appoggio che possano fungere da leva;
  4. Verificare che queste resistano ad una spinta orizzontale di una certa intensità.

Dove sarà esposta?


Tener conto del luogo è un dettaglio da non trascurare: in una località di mare dove la ringhiera dovrà vedersela con l’azione corrosiva della salsedine si dovrà optare per una determinata scelta. Se, invece, la ringhiera sarà in una località con un clima più rigido, sarà opportuno orientarsi diversamente nella scelta.

ringhiere in alluminio o vetroRinghiere in alluminio o vetro? Questo è il dilemma!

Il tuo dilemma è dover scegliere tra ringhiere in alluminio o vetro?
L’indecisione su quale materiale optare è all’ordine del giorno perché porta a determinate conseguenze in termini stilistici e non solo. Vediamo insieme quali sono le caratteristiche ed i vantaggi, per fare la scelta giusta per la nostra abitazione.

Ringhiere in alluminio


Le ringhiere in alluminio sono una soluzione ottimale sia per ambienti esterni che interni, che si sposano perfettamente con abitazioni dal design moderno o tradizionale. Consigliate specialmente nei luoghi di mare, per la loro grande resistenza all’effetto corrosivo della salsedine.
Tra i vantaggi dell’alluminio c’è da sottolineare una manutenzione poco impegnativa, l’estrema leggerezza e la notevole durata nel tempo.

ringhiere in alluminio o vetroRinghiere in vetro


Le ringhiere in vetro, di grande fascino ed impatto estetico, sono impiegate sia all’esterno che all’interno, soprattutto in abitazioni dal design più moderno.
Tra i vantaggi del vetro possiamo sottolineare il fatto che non necessita di una particolare manutenzione, che riesce ad infondere un’atmosfera piacevole, inondando l’ambiente di luce naturale e che risulta essere molto sicuro.

Scopri le ringhiere da Spazio 4 Serramenti

Ringhiere in alluminio o vetro? La scelta risulta fondamentale per garantire al tuo ambiente, esterno o interno, la giusta sicurezza e il giusto tocco estetico. Spazio 4 Serramenti offre una vasta gamma di ringhiere in alluminio e vetro, in grado di valorizzare ed esaltare lo stile del tuo ambiente. Vieni a trovarci nel nostro showroom per scoprire la soluzione più adatta, in alternativa contattaci allo 075 527062 o info@spazio4.com
Ti aspettiamo per offrirti la nostra consulenza.

Semplicità ed eleganza nelle porte in vetro per interni

gennaio 4, 2018 Uncategorized 0
Semplicità ed eleganza nelle porte in vetro per interni

La spiccata tendenza verso il minimalismo e la semplicità delle forme che ha invaso l’interior design negli ultimi anni hanno generato un forte interesse verso il vetro come uno dei materiali protagonisti dello stile abitativo contemporaneo, di grande impatto estetico ma anche estremamente funzionale.

Le porte in vetro per interni sono diventate, dunque, sempre più diffuse nella valorizzazione degli ambienti. Ad una o più ante, a battente o scorrevole, questi infissi sono molto versatili e perfetti per qualunque tipologia di arredo. Scopriamoli meglio!

La bellezza ed eleganza delle porte in vetro per interni

porte in vetro per interniIl vetro è un materiale perfetto per creare porte per interni semplici, lineari e minimaliste, dall’aspetto estremamente elegante, in grado di donare un forte effetto scenografico all’ambiente in cui sono collocate.

Nella versione completamente trasparente possono essere utilizzate come pareti divisorie tra una stanza e un’altra, donando luce e creando un dialogo tra ambienti comunicanti come, ad esempio, cucina e soggiorno, per un ambiente open space ogni volta che lo si desidera.

Se un’intera parete divisoria può non sembrare la soluzione più adatta a noi, si può optare per la porta standard la quale contribuisce comunque a creare grande comunicazione tra gli ambienti grazie alle trasparenze.

Una soluzione minimale che può creare maggiore o minore privacy grazie ai numerosi effetti disponibili.

Gli infiniti effetti delle porte in vetro per interni

Le porte in vetro per interni sanno essere molto versatili proprio perché possono realizzate con molteplici effetti diversi: dall’opaco al sabbiato, dal satinato al verniciato colorato oppure decorato con incisioni superficiali o, ancora, con serigrafie a disegni.

E per chi non ama l’effetto estremamente pulito e lineare della porta a tutto vetro, può scegliere tra numerose alternative: esistono, infatti, modelli con il telaio in alluminio, per un effetto moderno e leggero, oppure in legno naturale, per un risultato più classico o, ancora, in legno laccato, per un tocco moderno e contemporaneo.

Insomma, le possibilità con le porte in vetro per interni sono praticamente infinite e la scelta è veramente vasta, basterà scegliere quella che meglio si abbina all’interior design della nostra casa per donare un effetto assolutamente particolare agli ambienti.

Non solo bello

Le porte in vetro per interni non sono solo belle e funzionali ma anche sicure. Le moderne tecniche di lavorazione del vetro lo rendono, infatti, estremamente resistente nel contrastare urti e graffi.

Il vetro temperato, ad esempio, è costituito da due lastre di vetro accoppiate tra cui è interposto un sottile film plastico, molto resistente, che rende il vetro duro ed evita che si frantumi in pericolose schegge in caso di rottura.

Scopri le infinite possibilità di arredo delle porte in vetro per interni da Spazio 4 Serramenti

Vieni a scoprire tutta la bellezza e il fascino delle porte in vetro per interni da Spazio 4 Serramenti. Il nostro staff saprà consigliarti l’infisso perfetto per valorizzare al massimo i tuoi ambienti. Vieni a trovarci nel nostro showroom, in Via Sandro Penna, 87, Perugia oppure chiamaci allo 075 527 0362. Ti aspettiamo!

Come rinnovare infissi in legno

gennaio 3, 2018 Uncategorized 0
Come rinnovare infissi in legno

Curare la propria casa è importante per far sì che alcuni componenti come gli infissi, esposti continuamente a condizioni atmosferiche diverse, non si usurino e quindi non perdino in termini di efficienza e bellezza.

Ad una manutenzione ordinaria data dalla pulizia, qualora i nostri infissi abbiano perso il loro colore e la loro efficienza, bisogna provvedere ad una manutenzione straordinaria e quindi ad un loro rinnovo con tecniche adeguate.

C’è da dire che questo discorso vale solo per gli infissi in legno, escludendo quindi quelli in PVC e in alluminio.

Vediamo insieme come rinnovare gli infissi in legno.

Infissi in legno: come agire

Quando si deve rinnovare un infisso in legno, riportarlo agli antichi splendori è relativamente semplice. La risorsa maggiore da impiegare è sicuramente il tempo, perché sistemare tutti gli infissi di un’abitazione non è cosa immediata.

Di conseguenza il consiglio è di partire sempre dalle finestre più semplici, dove poter andare ad agire facilmente per poi procedere verso quelle più complesse.

come rinnovare infissi in legnoRinnovo al via: ecco l’occorrente e la modalità

Sei pronto al rinnovo? Ecco l’occorrente degli attrezzi e la modalità di esecuzione:

  • Piano di lavoro comodo;
  • Pennelli di dimensioni medie e piccoli;
  • Attrezzatura o prodotti per la sverniciatura;
  • Impregnante;
  • Vernice;
  • Vecchi giornali, cartoni, teli plastificati.

Una volta che avrai tutto l’occorrente, non ti resta che proseguire, ecco come:

  • Smonta con cura il pezzo e poggialo su un piano comodo di lavoro;
  • Svernicia con carta abrasiva;
  • Pulisci con aria compressa i residui della sverniciatura;
  • Passa l’impregnante con un pennello, per proteggere il legno dagli agenti atmosferici;
  • Prepara un’unica miscela di vernice e passala sull’infisso;
  • Lascia asciugare per 18-20 ore e ricolloca l’infisso al suo posto.

E per salvaguardare la tua salute, non dimenticare mai:

  • Di affidarti a prodotti consigliati dal tuo ferramenta di fiducia;
  • Di utilizzare mascherine e guanti per evitare di entrare in contatto diretto con i prodotti ed incorrere in infiammazioni alle mucose.

Scopri i tuoi infissi da Spazio 4 Serramenti

Se i tuoi infissi sono in buone condizioni e necessitano solamente di una manutenzione straordinaria ogni tanto, segui questi piccoli consigli su come rinnovare gli infissi. Se, invece, un rinnovamento non è sufficiente e necessitano di essere sostituiti, puoi rivolgerti a noi!

Spazio 4 Serramenti offre un’ampia gamma di infissi in legno, alluminio e altamente personalizzabili. Sapremo guidarti nella scelta dell’infisso che fa per te con professionalità e utili consigli. Vieni a trovarci nel nostro showroom a Perugia oppure chiamaci allo 075 5270362.

La finestra: elemento fondamentale per la casa

dicembre 27, 2017 Uncategorized 0
La finestra: elemento fondamentale per la casa

Elemento architettonico all’apparenza semplice, che non mette in luce la sua reale importanza, la finestra è, invece, un elemento fondamentale per la casa. Questo infisso è, infatti, l’elemento protettivo della nostra abitazione: isola da agenti atmosferici, dal freddo, dai rumori esterni che possono disturbarci.

Inoltre, la finestra è un elemento di comunicazione con l’ambiente esterno. Permette di far arieggiare e riscaldare i nostri ambienti, godendo del calore e della luce del sole. Fa sì, dunque, che i nostri ambienti mantengano un microclima adeguato alle nostre necessità.

Elemento fondamentale, ma anche complesso: il sistema finestra

 

Quando si parla di finestra, intendendo funzionalità e prestazioni, è bene parlare di un elemento più complesso, chiamato sistema finestra.

Gli elementi fondamentali del sistema finestra, che ha l’obiettivo di tenere benessere e comfort in casa, sono:

  • Serramento: ossia l’elemento mobile che viene montato sull’infisso e ha lo scopo di creare una chiusura tra l’interno e l’esterno, o tra le varie stanze di una casa;
  • Controtelaio: ossia l’elemento che collega il serramento alla muratura;
  • Posa in opera: l’aspetto più importante, senza la quale non esisterebbe benessere e quindi comfort in casa.

 

Il materiale delle finestre: non solo estetica

 

Quando si sceglie il materiale delle finestre, si pensa subito ad un utilizzo prettamente estetico, ma non è così: il materiale infatti, è fondamentale perché da questa scelta dipenderanno le sue caratteristiche tecniche (resistenza, la capacità isolante…) da cui consegue comfort, protezione e sicurezza.
Ogni materiale ha proprie caratteristiche e si adatta a determinate esigenze. Vediamoli nel dettaglio:

  • Legno: è un buon isolante termico ed acustico. Il suo vantaggio è quello di isolarsi dall’ambiente, adeguandosi ai diversi fattori ambientali;
  • Alluminio: leggero e facilmente lavorabile assicura isolamento tecnico ed acustico grazie al taglio termico.Il vantaggio risiede nella sua longevità, e nella capacità di simulare esteticamente l’effetto legno, grazie ad un’apposita verniciatura o pellicola renoit;
  • Ibrido: si considera ibrido un serramento composto da due materiali differenti. I sistemi più diffusi sono il legno-alluminio, utilizzato per l’interno, e l’alluminio-legno, utilizzato per l’esterno. Entrambi condividono il medesimo obiettivo: coniugare la bellezza dell’estetica data dal legno con la praticità e la resistenza dell’alluminio.
  • PVC: è isolante termico ed acustico, resistente, assicura lunga durata. Ha la capacità di mantenere all’interno della casa il microclima ideale, consentendo un notevole risparmio economico.

finestra

La sicurezza in casa, da scegliere fra i tanti i sistemi di apertura

 

Le finestre hanno tanti sistemi di apertura che, oltre ad avere un ruolo architettonico, hanno l’obiettivo primario della sicurezza in casa.
Le tipologie da utilizzare all’interno dell’ambiente domestico sono diversi, tra i principali troviamo:

  • Apertura a battente, la più diffusa, in cui le ante possono essere aperte o internamente o esternamente permettendo un’areazione maggiore;
  • Apertura a vasistas, consente alla finestra di essere aperta sull’asse inferiore orizzontale, creando una fessura sulla parte superiore, assicurando l’areazione;
  • Apertura a bilico, in cui l’anta ruota di 180° intorno all’asse verticale o orizzontale, permettendo un ricambio d’aria efficiente e facili operazioni di pulizia;
  • Apertura scorrevole, in cui le ante si aprono per traslazione orizzontale nel loro piano. Si può realizzare con un sistema scorrevole complanare o con un alzante scorrevole. Tale sistema permette un notevole risparmio di spazio;
  • Apertura a libro, costituita da due o più telai che nel momento dell’apertura si dispongono gli uni sugli altri per scorrimento dei loro assi di rotazione. Utilizzato nelle porta-finestre o finestre di grandi dimensioni poiché permette di risparmiare spazio;
  • Apertura saliscendi (o ghigliottina), in cui due o più ante sovrapposte si aprono per traslazione verticale nel loro piano. Tale apertura consente di risparmiare spazio, ma è difficile da tenere pulita.

Scopri la nostra vasta gamma di finestre per la tua casa!

Da Spazio 4 Serramenti troverai una vastissima gamma di finestre e altri serramenti ideale per ogni stile abitativo e per ogni esigenza estetica e funzionale. Passate a trovarci nel nostro showroom!

5 idee per addobbare le ringhiere per Natale

dicembre 15, 2017 Uncategorized 0
5 idee per addobbare le ringhiere per Natale

A Natale l’albero non è certo l’unico protagonista delle decorazioni! Molti altri elementi della nostra casa possono essere addobbati per accogliere le festività. Ad esempio le ringhiere, interne ed esterne. Ma come addobbare le ringhiere per Natale? Ecco a voi 5 idee interessanti e originali che renderanno ancora più magici i vostri ambienti!

  1. Palline di Natale

Il primo, tradizionale, elemento che possiamo utilizzare per decorare le nostre ringhiere, sia interne che esterne, sono sicuramente le palline. Quelle che utilizziamo per l’albero andranno benissimo e possiamo decidere se farle scendere singolarmente lungo la ringhiera oppure se abbinarle a delle composizioni con l’aggiunta di pigne o rami di pino.

addobbare ringhiere per natale

Photo credits: www.hellohome.it

  1. Rami di pino

Altra decorazione natalizia da apporre sulle ringhiere sono i classici rami di pino, anche in questo caso decorati con luci, palline, pigne, ghiande o piccole lanterne, a seconda dei nostri gusti.

addobbare ringhiere per natale

Photo credits: www.designmag.it

  1. Luci

Le luci sono molto indicate come decorazione per le ringhiere esterne, visibili anche di notte. Tuttavia, possono essere utilizzate anche per quelle delle scale interne di casa, da sole ad avvolgere la ringhiera oppure abbinate ad un ramo di pino. Per un effetto ancora più suggestivo, posizionate delle lanterne ai piedi delle scale.

addobbare ringhiere per natale

Photo credits: www.designmag.it

  1. Ghirlande

Anche le ghirlande, normalmente utilizzate sulle porte d’ingresso come addobbo natalizio per eccellenza, possono essere usate per arricchire una ringhiera. Una sola posta al centro oppure 3 intervallate, renderanno le tue ringhiere più natalizie che mai.

addobbare ringhiere per natale

Photo credits: www.soluzionidicasa.com

  1. Calze della befana e bastoncini di zucchero

Infine, le decorazioni più amate dai bambini: calze della befana e bastoncini di zucchero colorati! Posizionateli sulla vostra ringhiera appese ad un nastro di raso o anche ad un ramo di pino. Arricchiranno la vostra ringhiera e potranno essere riempite quando arriva la befana!

addobbare ringhiere per natale

Photo credits: www.designmag.it

E voi? Avete già decorato le vostre ringhiere per Natale?

Avete già iniziato ad addobbare le ringhiere per Natale? Se sì, raccontateci le vostre idee nei commenti! Altrimenti, provate a seguire qualcuna delle idee che vi abbiamo suggerito e rendete le vostre ringhiere assolutamente speciali nel magico periodo natalizio!

Come arredare un pergolato in modo semplice e originale

luglio 27, 2017 Uncategorized 0
Come arredare un pergolato in modo semplice e originale

Il pergolato è una struttura che, a prescindere dal periodo dell’anno, dona sempre grande impatto estetico al nostro giardino o terrazza, rendendoli curati, intimi e accoglienti. Se state pensando di installare una pergola per il vostro outdoor, sarà bene iniziare a progettare anche gli arredi. Ma come arredare un pergolato? Quali fattori considerare prima di acquistare sedie, piante e complementi? Ecco allora i nostri consigli su come arredare un pergolato in modo originale e funzionale!

Perché la pergola

come arredare un pergolatoGrazie alle moderne strutture per i pergolati, è possibile usufruire di questa stanza in più della nostra casa per tutto l’anno, anche nelle stagioni più fresche, e in qualunque condizione atmosferica. Le pergole più all’avanguardia, infatti, sono dotate di lamelle automatiche regolabili, di pannelli fissi o scorrevoli e di tende motorizzate.

E non finisce qui! L’illuminazione LED integrata nella struttura e il riscaldamento a raggi infrarossi, inoltre, consentirà di illuminare e riscaldare lo spazio circostante consentendovi di vivere appieno le vostre serate all’aperto, anche quelle più fresche.

Il materiale

Siamo sicuri che, vedendo la vostra bella pergola nel progetto o, meglio ancora, già installata in giardino, non starete più nella pelle per la voglia di arredarla con sedie, divanetti e chaise longue! Attenzione, però. Prima di procedere agli acquisti, valutate in maniera opportuna lo spazio che avete a disposizione, l’esposizione agli agenti atmosferici e l’uso a cui la pergola sarà destinata.

Gli arredi del pergolato, poi, dipenderanno dal materiale di cui è costituito. Legno o alluminio, le strutture moderne si adattano bene a qualunque sia lo stile architettonico della vostra abitazione. Per quanto riguarda, invece, i materiali da utilizzare negli arredi, i più gettonati sono rattan, ferro battuto e pvc, resistenti e facili da pulire, adatti a spazi aperti.

Lo stile

Per quanto riguarda lo stile, naturalmente, prevarranno i vostri gusti personali. Potete optare per uno stile rustico e country, con arredi in legno e rattan, oppure per uno più moderno e contemporaneo, con complementi in pvc e alluminio. Se amate l’etnico, consigliamo arredi in teak e fibre naturali. Se, invece, preferite lo stile tradizionale e classico, potete optare per arredi in legno.

I complementi

come arredare un pergolatoUna volta individuato il materiale che più fa per voi, scegliete i vari complementi con cui arredare il vostro pergolato. Se sarà adibito a pranzi e cene, potete posizionare un tavolo al centro con le varie sedute.

Potete, poi, aggiungere un paio di poltroncine o una chaise longue per momenti più rilassanti. Ricordate di completare divanetti e poltroncine con dei cuscini coordinati che personalizzeranno il vostro outdoor.

Per proteggere i vostri arredi e creare ambienti freschi e riparati dalla luce solare aggiungete delle tende per pergola, del colore che meglio si abbina ai vostri complementi ma sicuramente chiare.

Un ulteriore elemento caratteristico e bello da vedere che potete aggiungere al vostro pergolato è il dondolo, di qualsiasi forma o dimensione. Comodo e di grande impatto, farà un figurone nel vostro outdoor, oltre a donarvi momenti di vero relax!

Qualsiasi elemento aggiuntivo (vasi di fiori, lanterne, mensole) contribuiranno, poi, a dare un tocco originale e personale alla vostra pergola.

Quali piante scegliere

come arredare un pergolatoInfine, le piante. Come scegliere quelle più adatte ad un pergolato? Se avete intenzione di far crescere una pianta rampicante sulla vostra pergola, è consigliabile sceglierne una che non perda molte foglie come, ad esempio, la Madreselva o la Clematide.

Il Falso Gelsomino, poi, è una pianta che cresce molto velocemente e non richiede particolari cure, molto indicata come rampicante per una pergola.

La Bouganville, invece, è un rampicante dai colori sgargianti porpora, rosa o lilla, sconsigliata se, però, vivete in ambienti molto freddi.

La Bignonia è una pianta originaria del sud degli Stati Uniti con foglie verde scuro e fiori a trombetta rossi e arancio che sbocciano a mazzetti.

L’Ortensia rampicante, infine, è molto robusta e i suoi fiori sono simili a quella dell’ortensia arbustiva.

Speriamo di essere riusciti a darvi qualche dritta utile a rendere bello e funzionale il vostro pergolato. Non ci resta che augurarvi buon arredo!

UA-81919232-2